PRESIDENTE ZELATORE: “È stata la vittoria del cuore. Un risultato importante, frutto di scelte importanti da parte della società. Questi sono i primi vagiti di un bambino che sta nascendo: sotto la guida dell’allenatore Giacomo Pettinicchio potremo raggiungere buoni risultati. Un grazie va a tutti quelli che hanno creduto in noi ed a chi, come me, promuove quei valori che lo sport può offrire. Vorrei sottolineare l’importante lavoro svolo dal direttore generale Domenico Pellegrini: un elemento fondamentale, si è integrato perfettamente nella gestione e nei meccanismi della società”.

NARDONI: “Questa è una vittoria all’insegna della tarantinità. Personalmente ho molta stima di Giacomo Pettinicchio e sono in linea con le sue idee, anche quando ci siamo trovati con un attacco composto da tre giovani. Su questa squadra comincia a vedersi il suo lavoro, la mano di questo allenatore.  Ieri sera ho incontrato degli ultras, mi hanno ribadito che quanto chiesto dalla tifoseria è dignità per questi colori ed oggi è arrivata questa buona vittoria”. 

ALL. PETTINICCHIO: Durante l’intervallo ho dovuto calmare la squadra, era molto nervosa. Per come è andata evidentemente il mio intervento è servito. Prosperi segna sempre? Be, presto gli daremo la maglia numero 9 e Bongermino invece deve portarmi il buon pane di Laterza: me lo ha promesso in caso di gol.  Battute a parte, abbiamo ancora da lavorare, specialmente su alcune disattenzioni che attualmente commettiamo in fase difensiva. Con questa vittoria abbiamo ridato dignità alla città e per questo vorrei ringraziare tutta la città di Taranto e coloro che mi sono stati vicino”.

BONGERMINO:E’ stata un’emozione grandissima segnare allo Iacovone. Ringrazio i miei compagni, che mi hanno messo in condizione di realizzare il goal. Grazie al mister per avermi dato l’opportunità di giocare ed agli over della squadra per avermi sempre aiutato.  Sentivo addosso un un peso di responsabilità, ma avevo anche molta voglia di far bene.  Questa rete la dedico alla mia famiglia ed ai tifosi”.

PUTEOLANA – ALL. SORRENTINO: ” Una sconfitta decisa dagli episodi. In settimana ci siamo preparati per contrastare queste situazioni di gioco, ma abbiamo subito la prima rete proprio da calcio d’angolo.  Il Taranto cercava a tutti i costi la prima vittoria in casa, aveva qualche motivazione in più, mentre  la nostra squadra purtroppo non era ok psicologicamente: ieri, mentre eravamo in viaggio verso Taranto, è venuto a mancare il fratello di un nostro calciatore”.

I commenti sono chiusi.

About admin

APS Fondazione Taras 706 a.C.